Santa Cesaria Terme

Località ~ Santa Cesarea Terme

Santa Cesàrea Terme (Santa Cisaria in dialetto salentino, fino al 1929 chiamata Santa Cesarea) è un comune italiano di 3.027 abitanti della provincia di Lecce in Puglia.

Situato sulla costa orientale della penisola salentina, all'imbocco del Canale d'Otranto, è uno dei centri a maggiore vocazione turistica del Salento. È una stazione idrotermale.

Nonostante le proprietà benefiche delle acque fossero note già dall'antichità, la nascita di un centro urbano a Santa Cesarea avvenne molto tardi, a causa dell'isolamento dovuto alle asperità del territorio. Solo all'indomani della costruzione di una strada agevole, nel XIX secolo, ebbe inizio lo sviluppo della cittadina termale. Lo sfruttamento delle acque solfuree e dei fanghi termali risale al II secolo a.C. e su questo oggi si basa l'economia della città. Le acque curative sgorgano da quattro grotte: la Gattulla, la Solfatara, la Solfurea e la Fetida. Il mito pagano collega la genesi delle acque solfuree al disfacimento dei corpi dei giganti Leuterni, uccisi da Eracle.

La versione cristiana vuole invece che Cesarea, o Cisaria, fosse una fanciulla con la precoce vocazione alla vita monastica. Il malvagio padre invece la voleva costringere ad accondiscendere ai suoi incestuosi propositi e all'ennesimo rifiuto di Cesarea, egli la inseguì per ucciderla. Giunti in riva al mare la fanciulla, nascostasi in una grotta per sfuggire alle ire paterne, fu salvata dalle fiamme che avvolsero il padre, inghiottito poi dal mare.

 

COSA VISITARE

 

LE TERME

 

Acque termali con proprietà salsoiodiche e sulfuree, che sgorgano da quattro cavità naturali ad una temperatura attorno ai 30 gradi.

 

LA CITTA’

 

Architetture orientaleggianti e dal tono libety e tra queste la più importante è senza dubbio Villa Sticchi, costruzione realizzata nel 1885 con linee moresche, ben in evidenza lungo la costa con la sua grande cupola, sopra lo stabilimento termale. Degna di nota è anche la bellissima Villa Raffaella, sorta sul viale principale a metà Ottocento che prende il nome dalla Baronessa Raffaella Lubelli che la fece costruire come residenza estiva. Sulla parte alta del paese, invece, è possibile percorrere un’incantevole strada immersa nella vegetazione per poi fare passeggiate tra boschi di pini di Aleppo e da qui raggiungere il Belvedere da cui ammirare con un solo sguardo tutta la costa del Sud Salento fino a Santa Maria di Leuca. Nelle vicinanze vi è anche un piccolo parco giochi per i più piccoli.

 

Santa Cesarea Terme, quindi, si sviluppa anche “verticalmente” su più livelli differenti. Nella parte più bassa, troviamo le terme e il relativo stabilimento, nonché la costa rocciosa da cui in alcuni tratti è possibile l’accesso al mare. A mezza altezza della costa sorge l’abitato principale costituito da una sola strada principale, attorniata dalle ville di cui detto sopra. Nella parte più elevata, vi sono altre costruzioni, la Trecentesca Chiesa Madre del Sacro Cuore e ancora più in alto le tortuose vie che portano verso la parte più alta della collina. La sua particolare conformazione “a strati” si rende evidente anche dalla presenza di caratteristiche e numerose scalinate.

Invia Mail